Faringite streptococcica

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Faringite streptococcica
Pos strep.JPG
Specialitàpneumologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM034.0
ICD-10J02.0
MedlinePlus000639
eMedicine225243

La faringite streptococcica o tonsillite da streptococco o mal di gola da streptococco è un tipo di faringite provocata da una infezione da streptococco di gruppo A. Essa colpisce la faringe con le tonsille e, occasionalmente, la laringe. I sintomi più comuni sono febbre, mal di gola e ingrossamento dei linfonodi. È la causa del 37% dei mal di gola tra i bambini[1] e il 5-15% tra la popolazione adulta.[2]

Il mal di gola da streptococco è un'infezione contagiosa e si sviluppa attraverso lo stretto contatto con un individuo infetto. Una diagnosi definitiva può essere effettuata sulla base dei risultati di una cultura alla gola. Tuttavia, questo non è sempre necessario poiché il trattamento può essere deciso sulla base dei sintomi. In casi altamente probabili o confermati, gli antibiotici sono utili sia per prevenire le complicanze che aumentare la velocità di recupero.[3]

Epidemiologia

La faringite, la categoria più ampia della quale la faringite streptococcica fa parte, viene diagnosticata nei soli Stati Uniti, in 11 milioni di persone ogni anno.[3] Anche se la maggior parte dei casi sono virali, lo streptococco del gruppo A beta-emolitico è causa nel 15-30% dei casi di faringite nei bambini e nel 5-20% negli adulti.[3] I casi solitamente si verificano nel tardo inverno e all'inizio della primavera.[3]

Eziologia

La faringite streptococcica è causata dallo Streptococcus di gruppo A beta-emolitico (GAS).[4] Altri batteri, come streptococchi non di gruppo A e il Fusobacterium possono anche causare faringite.[3][5] Si trasmette con la vicinanza e il contatto con una persona infetta. Trovarsi in luoghi affollati, come in caserme o scuole, aumenta il tasso di trasmissione.[5][6] E stato scoperto che i batteri secchi nella polvere non sono infettivi mentre quelli che vivono in un ambiente umido, come su di uno spazzolino da denti, possono resistere fino a quindici giorni.[5] Raramente alimenti contaminati possono causare epidemie.[5] Il 12% dei bambini asintomatici sono portatori di streptococco nella loro faringe[1], mentre il 15% rimane portatore dopo il trattamento.[7]

Clinica

Segni e sintomi

I sintomi tipici della faringite streptococcica sono un mal di gola, febbre maggiore di 38 °C, essudato tonsillare (pus sulle tonsille) e ingrossamento dei linfonodi cervicali.[3] Altri sintomi includono: mal di testa, nausea e vomito, dolore addominale[8], dolore muscolare[5], una eruzione cutanea scarlattiniforme o petecchie sul palato, quest'ultimo sintomo è raro ma altamente specifico.[3] Il periodo di incubazione e di conseguenza l'inizio dei sintomi è da uno a tre giorni dopo il contatto.[3] La faringite streptococcica è improbabile quando vi è almeno uno dei seguenti sintomi: occhi rossi, raucedine, naso che cola o ulcere della bocca. È improbabile anche quando non vi è febbre.[2]

Diagnosi

Criteri di Centor modificati
Punteggio Probabilità Gestione
1 o meno <10% Non c'è bisogno di antibiotici o coltura
2 11–17% Antibiotici basati su coltura o RADT
3 28–35%
4 o 5 52% Terapia empirica con antibiotici

I criteri di Centor modificati possono essere utilizzati per determinare la gestione delle persone con faringite. Sulla base di 5 criteri clinici, questo metodo indica la probabilità di una infezione da streptococco.[3]

A ciascuno di questi criteri viene assegnato un punto:[3]

  • Assenza di tosse
  • Linfonodi cervicali tumefatte e dolenti
  • Temperatura > 38,0 °C
  • Essudato tonsillare o gonfiore
  • Età inferiore a 15 (un punto viene sottratto se l'età è maggiore di 44)

L'Infectious Diseases Society of America tuttavia sconsiglia il trattamento empirico e considera gli antibiotici opportuni solo dopo il risultato positivo di un test.[2]

Esami di laboratorio

Con una sensibilità del 90-95%, una coltura di microorganismi alla gola è il gold standard[9] per la diagnosi di faringite streptococcica.[3] Un test rapido per lo streptococco (chiamato test rapido di rilevamento dell'antigene o RADT) può anche essere usato. Questo test è più veloce ma tuttavia ha una sensibilità più bassa (70 %) e statisticamente una uguale specificità (98 %) rispetto alla coltura.[3]

Una coltura positiva della gola o RADT positivo, in associazione con sintomi, permette di formualre una diagnosi positiva negli individui in cui vi erano dei dubbi.[10] Negli adulti un RADT negativo è sufficiente ad escludere la diagnosi, tuttavia nei bambini una coltura alla gola si consiglia per la conferma del risultato.[2] Gli individui asintomatici non devono essere regolarmente testati poiché una certa percentuale della popolazione persistentemente è portatrice del batterio streptococco in gola senza risultati dannosi.[10]

Diagnosi differenziale

Poiché i sintomi della faringite streptococcica si sovrappongono con altre condizioni, vi possono essere delle difficoltà nel fare una diagnosi clinica.[3] La tosse, il naso che cola, diarrea e irritazione agli occhi, oltre che alla febbre e al mal di gola, sono più indicativi di un mal di gola di eziologia virale piuttosto che batterica.[3] La presenza di un marcato ingrossamento dei linfonodi, associato a mal di gola, febbre e ingrossamento delle tonsille, può verificarsi anche nella mononucleosi infettiva.[11]

Trattamento

La faringite streptococcica non trattata di solito si risolve comunque entro pochi giorni.[3] Il trattamento con antibiotici accorcia la durata della malattia acuta di circa 16 ore.[3] Il motivo principale per cui si può ricorrere ad un trattamento antibiotico è ridurre il rischio di complicazioni quali febbre reumatica e ascessi retrofaringei.[3] La terapia antibiotica è efficace se somministrata entro 9 giorni dalla comparsa dei sintomi.[4]

Analgesici

Gli analgesici, come i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) e il paracetamolo, contribuiscono in modo significativo nella gestione del dolore alla gola associato alla faringite.[12] Il ricorso alla lidocaina viscosa può anche essere utile.[13] Anche se gli steroidi possono gestire il dolore[4][14] essi non sono raccomandati per la pratica routinaria.[2] L'aspirina può essere utilizzata negli adulti ma non è raccomandata nei bambini a causa del rischio di sindrome di Reye.[4]

Antibiotici

Negli Stati Uniti, l'antibiotico di scelta per la faringite streptococcica è la fenossimetilpenicillina, questo per la sua sicurezza, il suo costo e la sua efficacia.[3] L'amoxicillina viene tuttavia preferita in Europa.[15] In India, dove il rischio di febbre reumatica è più alto, la somministrazione per via intramuscolare di penicillina benzatina G è la prima scelta per il trattamento.[4] Una cura con antibiotici appropriati diminuisce la durata media dei sintomi di circa un giorno e può anche ridurre la contagiosità.[16] Essi sono principalmente prescritti per ridurre le rare complicanze, come la febbre reumatica e l'ascesso peritonsillare[16] Gli argomenti a favore di un trattamento antibiotico dovrebbero essere bilanciati dalla considerazione dei possibili effetti collaterali,[5] ed è ragionevole pensare che nessun trattamento antimicrobico debba essere somministrato a soggetti adulti sani che hanno reazioni avverse ai farmaci.[16]

Gli antibiotici sono prescritti per il mal di gola a un tasso più alto di quanto ci si aspetterebbe dalla sua prevalenza.[17] L'eritromicina e altri macrolidi o la clindamicina sono raccomandati alle persone con gravi allergie alla penicillina.[3] Le cefalosporine di prima generazione possono essere utilizzate nei soggetti con allergie meno gravi[3] e alcuni studi evidenziano un'efficacia superiore delle cefalosporine rispetto alla penicillina..[18][19] Le infezioni da streptococco possono anche portare a glomerulonefrite acuta, tuttavia l'incidenza di questo effetto collaterale non si riduce con l'uso di antibiotici.[4]

Prognosi

I sintomi del mal di gola di solito migliorano indipendentemente dal trattamento, entro tre-cinque giorni.[10] Il trattamento con antibiotici riduce il rischio di complicanze e di trasmissione. I bambini possono tornare a scuola 24 ore dopo la somministrazione di antibiotici.[3] Il rischio di complicanze negli adulti è basso.[2] Nei bambini, la febbre reumatica acuta, una complicanza della faringite, è rara nella maggior parte del mondo sviluppato, ma tuttavia rappresenta la principale causa di malattia cardiaca acquisita in India, nell'Africa sub-sahariana e in alcune parti dell'Australia.[2]

Le complicanze derivanti da infezioni alla gola da streptococco possono essere:

Negli Stati Uniti, il costo economico della malattia nei bambini è stimato in circa 350 milioni di dollari.[2]

Prevenzione

La tonsillectomia può essere una misura preventiva ragionevole negli individui con frequenti infezioni della gola (più di tre all'anno).[23] I vantaggi sono comunque piccoli e gli episodi di solito diminuiscono nel tempo, indipendentemente dalle misure adottate.[24][25] Episodi ricorrenti di faringite e un test per lo streptococco positivo, può indicare che una persona è portatrice cronica del batterio.[2] Il trattamento preventivo delle persone che sono state esposte (profilassi) ma che sono asintomatiche, non è consigliato.[2] Trattare le persone che sono portatrici del batterio non è altresì raccomandato per via del basso rischio di diffusione e di complicanze.[2]

Note

  1. ^ a b Shaikh N, Leonard E, Martin JM, Prevalence of streptococcal pharyngitis and streptococcal carriage in children: a meta-analysis, in Pediatrics, vol. 126, nº 3, September 2010, pp. e557–64, DOI:10.1542/peds.2009-2648.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n ST Shulman, Bisno, AL; Clegg, HW; Gerber, MA; Kaplan, EL; Lee, G; Martin, JM; Van Beneden, C, Clinical Practice Guideline for the Diagnosis and Management of Group A Streptococcal Pharyngitis: 2012 Update by the Infectious Diseases Society of America., in Clinical infectious diseases : an official publication of the Infectious Diseases Society of America, vol. 55, nº 10, 2012 Sep 9, pp. e86–102, DOI:10.1093/cid/cis629.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v Choby BA, Diagnosis and treatment of streptococcal pharyngitis, in Am Fam Physician, vol. 79, nº 5, March 2009, pp. 383–90.
  4. ^ a b c d e f Baltimore RS, Re-evaluation of antibiotic treatment of streptococcal pharyngitis, in Curr. Opin. Pediatr., vol. 22, nº 1, February 2010, pp. 77–82, DOI:10.1097/MOP.0b013e32833502e7.
  5. ^ a b c d e f Hayes CS, Williamson H, Management of Group A beta-hemolytic streptococcal pharyngitis, in Am Fam Physician, vol. 63, nº 8, April 2001, pp. 1557–64.
  6. ^ Lindbaek M, Høiby EA, Lermark G, Steinsholt IM, Hjortdahl P, Predictors for spread of clinical group A streptococcal tonsillitis within the household, in Scand J Prim Health Care, vol. 22, nº 4, 2004, pp. 239–43, DOI:10.1080/02813430410006729.
  7. ^ edited by Robert E. Rakel, David P. Rakel, Textbook of family medicine, 8th ed., Philadelphia, PA., Elsevier Saunders, pp. 331, ISBN 978-1-4377-1160-8.
  8. ^ a b Brook I, Dohar JE, Management of group A beta-hemolytic streptococcal pharyngotonsillitis in children, in J Fam Pract, vol. 55, nº 12, December 2006, pp. S1–11; quiz S12.
  9. ^ Smith, Ellen Reid, Kahan, Scott e Miller, Redonda G., In A Page Signs & Symptoms, In a Page Series, Hagerstown, Maryland, Lippincott Williams & Wilkins, 2008, pp. 312, ISBN 0-7817-7043-2.
  10. ^ a b c Bisno AL, Gerber MA, Gwaltney JM, Kaplan EL, Schwartz RH, Practice guidelines for the diagnosis and management of group A streptococcal pharyngitis. Infectious Diseases Society of America, in Clin. Infect. Dis., vol. 35, nº 2, July 2002, pp. 113–25, DOI:10.1086/340949.
  11. ^ Ebell MH, Epstein-Barr virus infectious mononucleosis, in Am Fam Physician, vol. 70, nº 7, 2004, pp. 1279–87.
  12. ^ Thomas M, Del Mar C, Glasziou P, How effective are treatments other than antibiotics for acute sore throat?, in Br J Gen Pract, vol. 50, nº 459, October 2000, pp. 817–20.
  13. ^ Generic Name: Lidocaine Viscous (Xylocaine Viscous) side effects, medical uses, and drug interactions, in MedicineNet.com. URL consultato il 7 maggio 2010.
  14. ^ Effectiveness of Corticosteroid Treatment in Acute Pharyngitis: A Systematic Review of the Literature., in Andrew Wing. 2010; Academic Emergency Medicine.
  15. ^ Bonsignori F, Chiappini E, De Martino M, The infections of the upper respiratory tract in children, in Int J Immunopathol Pharmacol, vol. 23, 1 Suppl, 2010, pp. 16–9.
  16. ^ a b c Snow V, Mottur-Pilson C, Cooper RJ, Hoffman JR, Principles of appropriate antibiotic use for acute pharyngitis in adults (PDF), in Ann Intern Med, vol. 134, nº 6, March 2001, pp. 506–8.
  17. ^ Linder JA, Bates DW, Lee GM, Finkelstein JA, Antibiotic treatment of children with sore throat, in J Am Med Assoc, vol. 294, nº 18, November 2005, pp. 2315–22, DOI:10.1001/jama.294.18.2315.
  18. ^ M Pichichero, Casey, J, Comparison of European and U.S. results for cephalosporin versus penicillin treatment of group A streptococcal tonsillopharyngitis., in European journal of clinical microbiology & infectious diseases : official publication of the European Society of Clinical Microbiology, vol. 25, nº 6, 2006 Jun, pp. 354–64, DOI:10.1007/s10096-006-0154-7.
  19. ^ JR Casey, Pichichero, ME, The evidence base for cephalosporin superiority over penicillin in streptococcal pharyngitis., in Diagnostic microbiology and infectious disease, vol. 57, 3 Suppl, 2007 Mar, pp. 39S-45S, DOI:10.1016/j.diagmicrobio.2006.12.020.
  20. ^ a b UpToDate Inc., su utdol.com.
  21. ^ Stevens DL, Tanner MH, Winship J, et al., Severe group A streptococcal infections associated with a toxic shock-like syndrome and scarlet fever toxin A, in N. Engl. J. Med., vol. 321, nº 1, July 1989, pp. 1–7, DOI:10.1056/NEJM198907063210101.
  22. ^ a b Hahn RG, Knox LM, Forman TA, Evaluation of poststreptococcal illness, in Am Fam Physician, vol. 71, nº 10, May 2005, pp. 1949–54.
  23. ^ Johnson BC, Alvi A, Cost-effective workup for tonsillitis. Testing, treatment, and potential complications, in Postgrad Med, vol. 113, nº 3, March 2003, pp. 115–8, 121.
  24. ^ BK van Staaij, van den Akker, EH; van der Heijden, GJ; Schilder, AG; Hoes, AW, Adenotonsillectomy for upper respiratory infections: evidence based?, in Archives of Disease in Childhood, vol. 90, nº 1, 2005 Jan, pp. 19–25, DOI:10.1136/adc.2003.047530.
  25. ^ MJ Burton, Glasziou, PP, Tonsillectomy or adeno-tonsillectomy versus non-surgical treatment for chronic/recurrent acute tonsillitis., in Cochrane database of systematic reviews (Online), nº 1, 2009 Jan 21, pp. CD001802, DOI:10.1002/14651858.CD001802.pub2.

Bibliografia

  • (EN) David P. Rakel, Robert E. Rakel, Textbook of family medicine, 8a ed., Philadelphia, PA., Elsevier Saunders, ISBN 978-1-4377-1160-8.
  • (EN) Ellen Reid Smith, Scott Kahan e Redonda G. Miller, In A Page Signs & Symptoms, In a Page Series, Hagerstown, Maryland, Lippincott Williams & Wilkins, 2008, ISBN 0-7817-7043-2.

Voci correlate

Collegamenti esterni

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina

Template:Link VdQ Template:Link VdQ Template:Link VdQ Template:Link VdQ